Pagine

ministero-del-lavoro

fondo-sociale-europeo

Articoli più letti

Articoli recenti

Lavoro stagionale come pizzaiolo? Perché no

Ci stiamo avvicinando all’estate, anche se nel nord Italia la lunga coda dell’inverno si fa ancora sentire (si parla addirittura di nevicate nel prossimo week-end del 25-26 maggio!), tuttavia sono molti i ragazzi delle superiori, ma anche gli studenti universitari, che prenderanno una pausa dagli studi. Perciò che fare in questi caldi (si spera) mesi?

Se non ci si può permettere un viaggio o una vacanza, si potrebbe cercare un lavoro stagionale, in grado di dare qualche piccolo vantaggio come:

  • una minima indipendenza economica;
  • un’esperienza lavorativa da mettere a curriculum;
  • prendere un primo contatto con il mondo del lavoro.

Tra i vari lavori stagionali, in particolar modo nelle località turistiche, quelli che hanno una maggiore domanda sono sicuramente quello di cameriere, lavapiatti oppure pizzaiolo. In quest’ultimo caso, se si è alle prime armi, bisognerà avere molta pazienza e umiltà perché si ha molto da imparare, ma le soddisfazioni possono essere molte, soprattutto nel  lungo periodo. Magari all’inizio porterete in giro le pizze o contatterete i fornitori dei contenitori per la pizza, ma alla lunga avrete imparato, a tutti gli effetti, un lavoro che, crisi o non crisi, sarà sempre richiesto in tutto il mondo (prova a dirmi un posto dove non si mangia la pizza).

Tra i tanti vantaggi del saper fare le pizze è che potrete trovare un lavoro in qualsiasi città, anche e soprattutto all’estero, dove le pizzerie con pizzaioli italiani sono le più gettonate (in questo caso non è possibile “taroccare” il made in Italy). Perciò provate a buttarvi in questa esperienza, non si sa mai cosa può riservare il futuro.

Write a comment